Il team della magliettazza

Ho sempre ammirato quelle ragazze che incroci il sabato pomeriggio al supermercato e sono assolutamente PERFETTE. Vestito ragionato, scarpe in pendant col resto, trucco impeccabile. Le vedi aggirarsi tra i corridoi dell’Esselunga, con la loro bella lista della spesa in mano (sicuramente compilata in perfetta calligrafia), senza buste da shopping o compagni con cui hanno appena fatto una “passeggiatina al parco” e pensi: “Queste sono uscite apposta per fare la spesa”. E sono PERFETTE. Sembrano uscite da un catalogo di Zara (sì, insomma, saranno pure vestite low-budget, ma sono vestite BENE). leggi

Annunci

Accidentaccio!

Per una come me che adooora i quadri di Gustav Klimt, sapere che esiste un marchio di gioielli che si è ispirato alle geometrie e ai colori delle sue opere è uno di quegli eventi che segnano il culmine non dico di un intero mese, ma di una settimana sicuramente si’. Insomma, una cosa eccezionale!

Quando poi ho scoperto che questo marchio, che si chiama Frey Wille e guarda un po’ è austriaco come Klimt (ma va!), ha negozi anche a Roma, Firenze, Napoli, Venezia, Verona, Bolzano, Capri e Milano… bhè, allora è scattato un interesse ancora maggiore. leggi

Toh! Le gonne a tubino!

Iuppi!!

Ho appena scoperto con immenso piacere che quest’inverno tornano di moda le gonne a tubo o pencil skirt. Ne ho giusto un paio nell’armadio che non uso da anni e a cui sarebbe proprio il caso di fare prendere aria! leggi

Barcelona… city of hot pants

Di ritorno da un viaggetto a Barcellona (quella spagnola, non quella siciliana), ecco due segnalazioni degne di nota.

Numero 1: A Barcellona l’80% delle ragazze, sia turiste sia indigene, gira in shorts. E non sto parlando solo della zona intorno alla spaggia (“capirai, stavano andando a mare…”) ma in tutta la città. La cosa è stata abbastanza spiazzante. leggi

“Questo taglio ti fa davvero sbarazzina!”

La ministra dall’istruzione Mariastella Gelmini ha cambiato taglio di capelli.

Dicono sembri ancora più “maestrina bacchettona”. leggi

Nuvole in Basilicata

Da 1 a 10, quanto è bello l’abito che Sofia Coppola ha indossato sabato per il suo matrimonio? Impalpabile tessuto plissettato color glicine chiaro, scollatura con incrocio sul dorso, gonna longuette a palloncino… una creazione dello stilista tunisino Azzedine Alaia che la fa sembrare una nuvola così delicata e naif… (sospiro!)

Insomma, bellissimo! leggi

Arrivano le ballerine da pochette!

Quante di voi, dopo una serata in disco, il ricevimento di un matrimonio o una qualsiasi altra occasione in cui, per desiderio o per convenzione, avete indossato i tacchi alti, non sono state tentate di buttare all’aria i trampoli e camminare scalze? Ve lo dico io: tutte. E sicuramente qualcuna, coraggiosa, le scarpe se le sarà davvero tolte, in barba a germi e verruche, mentre le altre avranno invidiato con tutto il loro cuore chi, più intelligente e previdente, era uscita di casa con le scarpe basse o “si era portata le scarpe di riserva”.
Bene, ora dall’America arriva la soluzione per tutte noi. leggi

Mise da CFDA Awards 2011

Il fatto che ieri Lady Gaga sia stata (per l’ennesima volta) riconosciuta come fashion icon a livello mondiale, addirittura vincendo l’apposito premio del CFDA, il Council of Fashion Designers of America, mi fa riflettere su cosa voglia dire essere una “icona di stile” oggi. E mi lascia di conseguenza abbastanza perplessa. Ma guardo e passo, come Dante.

Piuttosto, i CFDA Awards 2011, i premi conferiti ieri in quel di NewYork agli stilisti americani (qua i vincitori, se a qualcuno interessa) sono l’occasione per commentare ancora una volta i vips più o meno noti che ovviamente non potevano non essere accorsi come mosche a questa occasione mondana. E ragazzi, credetemi, se ne sono viste delle belle!

Allora, diamo un’occhiata al red carpet (le foto sono prese da Fashionologiequi la galleria completa): leggi

Pose da camerino

Qualche settimana fa la supertopmodel Gisele Bündchen si è “messa in vetrina” in un negozio C&A di San Paolo in Brasile per promuovere una collezione disegnata da lei per la catena di negozi di abbigliamento. Alle 10 ora locale del 28 aprile scorso (le 15 italiane) la vetrina del negozio, inizialmente chiusa da tende bianche, si è improvvisamente aperta svelando un manichino incredibilmente somigliante alla modella. Immaginate quindi la sorpresa degli indreduli passanti quando hanno visto che il manichino ha cominciato a muoversi, mettendosi in posa e interagendo in maniera divertente con i curiosi al di là del vetro. Era proprio lei: la top model più pagata al mondo. Seguono flash di paparazzi e urla isteriche dei fan accalcati davanti alla vetrina. Povera vetrina! Non oso immaginare il suo stato alla fine dello show.

Gisele in vetrina a San Paolo (da gliveblog.blogspot.com)

Al di là dell’iniziativa commerciale, Donna Moderna di questa settimana ha ripreso la notizia come spunto per parlare delle movenze femminili davanti allo specchio all’interno di un camerino. Provate a pensarci: siete nel camerino, mentre provate un vestito, come vi atteggiate? Che gesti fate? leggi

Le eroine di Milo Manara in una mini collezione Sisley

Da sempre le bellissime donne disegnate da Milo Manara sono state simbolo di una sensualità libera e trasgressiva. Adesso questi simboli potremo addirittura indossarli, perchè le eroine del grande illustratore saranno le protagoniste di una mini collezione Sisley: una linea per la Primavera Estate 2011 che comprenderà capi uomo e donna arricchiti dalle creazioni dell’artista, tra ritratti, tavole e intere strisce.

una t-shirt Sisley by Milo Manara

Alle donne storiche di Manara si affiancherà anche una nuova eroina nata ad hoc per l’occasione: una provocante ragazza in maglietta, con tanto di ironica “censura Sisley” sul fondoschiena. leggi

Voci precedenti più vecchie

N.B.

La immagini presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari e verranno rimosse in seguito a specifica richiesta.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: